Menu Chiudi

Controsoffitti in cartongesso: estetica e funzionalità insieme

Controsoffitti in cartongesso

Esistono diverse tipologie di controsoffitto in cartongesso, ognuna adeguabile alle proprie esigenze specifiche. Si tratta di una soluzione che presenta diversi vantaggi, a partire dall’isolamento termoacustico fino ad arrivare a soluzioni estetiche capaci di trasformare la vostra casa in uno spazio ricercato e di design. 

Chi installa un controsoffitto in cartongesso nella propria casa lo fa per “nascondere” l’illuminazione al led sovrastante (con faretti o strisce luminose). Esistono, però, due tipologie di controsoffitto: controsoffitto in cartongesso strutturale e controsoffitto in cartongesso non strutturale.

Controsoffitto: strutturale o non strutturale?

Il controsoffitto in cartongesso non strutturale è un controsoffitto realizzato successivamente al soffitto preesistente e, di conseguenza, è rimovibile. 

Il controsoffitto in cartongesso strutturale, invece, è inglobato al soffitto preesistente e si declina in tre tipologie: chiuso, aperto o ispezionabile. Il controsoffitto chiuso è realizzato in legno o in gesso e ha un buon potere isolante e ignifugo. Il controsoffitto aperto funge come da protezione per il soffitto preesistente e può servire, come quello non strutturale, a nascondere l’illuminazione. Il controsoffitto ispezionabile è un controsoffitto in gesso solitamente molto resistente.

Controsoffitto in cartongesso: in aderenza, sospeso o autoportante?

Il controsoffitto in cartongesso può essere, infine, di tre tipologie: in aderenza, sospeso o autoportante. Il controsoffitto in aderenza è composto da una struttura metallica fissata al solaio, ha pochissimo spazio tra la lastra in cartongesso e il soffitto preesistente e ha un ottimo potere ignifugo. Il controsoffitto sospeso è composto da elementi in sospensione, solitamente in acciaio, che si appoggiano al cartongesso e lo sospendono al soffitto preesistente. Il controsoffitto autoportante, infine, non si aggancia al soffitto ma alle pareti laterali, grazie profili perimetrali specifici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *