Menu Chiudi

Isolamento termoacustico: le soluzioni più comuni

isolamento termoacustico

Isolare la propria casa sia dal punto di vista termico che da quello acustico è fondamentale, perché ci consente di migliorare il benessere della famiglia all’interno delle mura domestiche e di rendere la propria abitazione il più accogliente possibile.

L’isolamento termoacustico, quindi, non dovrebbe essere opzionale ma essenziale, per vivere al meglio e per migliorare la qualità della propria casa, anche dal punto di vista energetico e ambientale.

Coibentare casa con i materiali per l’isolamento termoacustico

I materiali per l’isolamento termoacustico sono diversi e ognuno adeguato a ogni specifica esigenza. Coibentare casa vuol dire averla naturalmente fresca in estate e calda in inverno, riducendo sensibilmente i rumori provenienti dall’esterno e allo stesso tempo riducendo anche la dispersione dei rumori interni verso l’esterno.

Una soluzione molto comune è quella del cappotto termico, che però isola l’intero palazzo a partire dalle pareti esterne. Si tratta di un intervento invasivo e che richiede il permesso di tutti i condomini, ma comporta anche diversi sgravi fiscali da non sottovalutare.

Se, invece, stai pensando di ristrutturare casa e sei alla ricerca di una soluzione pratica e veloce per le tue pareti domestiche, è possibile coibentare il tuo appartamento a partire dalle pareti interne, attraverso l’installazione di intercapedini a muro. Si tratta di una soluzione pratica e valida sia per le pareti che per il controsoffitto.

Isolanti termoacustici: quali tipologie? 

Gli isolanti termoacustici più diffusi sono di tre tipologie: sintetici, minerali o vegetali. Se siamo alla ricerca di un isolamento soprattutto termico, la soluzione potrebbe essere il polistirene espanso. Se siamo, invece, alla ricerca di isolamento sia acustico che termico, potremmo optare per la lana di roccia o di vetro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *